Home   »   
  
»   Dermatite: le cause  
 
Dermatite: le cause

Dermatite: le cause

La dermatite è un disturbo piuttosto complesso e sfaccettato: sotto questa denominazione generica si nasconde infatti una gran quantità di processi infiammatori cutanei, piuttosto diversi fra di loro sia per sintomatologia che per eziologia. Alla base della malattia possono infatti esserci le cause più svariate. Nell'insorgenza di alcuni tipi di disturbo gioca ad esempio un ruolo importante la predisposizione genetica; nell'insorgenza di altre sono invece più incisivi fattori esogeni/ambientali (irritazioni da contatto, infezioni, cause alimentari, etc.). Spesso, comunque, è un intreccio di diversi fattori a scatenare i problema.
Prendiamo in esame le più frequenti cause della malattia.

Predisposizione genetica
Diversi tipi di infiammazioni cutanee sono causate da una predisposizione di tipo genetico-familiare: ad esempio, la la psoriasi. Non è raro infatti riscontrare diversi casi di questa malattia all'interno di uno stesso nucleo familiare: alla base di tutto vi è un disordine immunitario di carattere ereditario. A portare alla luce queste disfunzioni immunitarie possono essere fattori secondari esogeni di vario tipo (non ultimo, lo stress).

Contatto con sostanze irritanti
Non di rado la causa dell'irritazione è da ricercare nel contatto con sostanze potenzialmente allergeniche o irritanti. Diverse sono le sostanze in grado di scatenare infiammazioni: spesso si tratta di sostanze chimiche aggressive contenute in detergenti di vario tipo. Fra gli allergeni più comuni invece figurano metalli come nichel e cromo, ma anche sostanze presenti in cosmetici e profumi.

Alterazione nell'attività delle ghiandole sebacee
Un'eccessiva attività delle ghiandole sebacee sta alla base dell'insorgenza della dermatite seborroica: in effetti questa forma di infiammazione, che interessa soprattutto il cuoio capelluto, riguarda più che altro i soggetti con i capelli e la pelle grassa. L'eccessiva produzione di sebo favorisce il proliferare del Malassezia, fungo che contribuisce all'insorgere dell'infiammazione.

Cause di tipo infettivo
Alcune forme di malattia possono essere aggravate/provocate da alcuni batteri presenti sulla pelle, come la Staphylococcus aureus. In caso di infiammazione, questi batteri proliferano più del normale e ciò provoca infezione e irritazione cutanea.

Intolleranze e allergie alimentari
Alle volte la malattia è da ricollegare a intolleranze di tipo alimentare: il caso più emblematico è quello della dermatite erpetiforme, la quale è provocata dalla celiachia (l'intolleranza al glutine), tanto da essere spesso chiamata "celiachia della pelle".
Anche "semplici" allergie alimentari possono provocare il disturbo. I cibi che più frequentemente riescono ad innescare un processo infiammatorio cutaneo sono il latte vaccino, le arachidi e la soia, le uova, il pesce e i crostacei.

Concause della malattia
Alcuni fattori da soli non bastano a scatenare la malattia, ma di certo concorrono alla sua insorgenza e/o al suo peggioramento. Ecco quali sono le principali concause:
- Secchezza cutanea: la tendenza ad avere la pelle secca è un fattore aggravante perché la secchezza cutanea peggiora lo stato infiammatorio
- Stress: la componente emotiva gioca spesso un ruolo importante nel decorso del disturbo. Una condizione di stress psicofisico può infatti aggravare la sintomatologia e ritardare la guarigione
- Inquinamento atmosferico (infatti alcune forme di irritazione sono più diffuse nei centri urbani e meno nelle campagne)
- Sbalzi eccessivi e repentini di temperatura
- Carenze nutrizionali: alcune forme di infiammazione cutanea risentono di un'alimentazione scorretta e poco nutriente. In particolare, si è notato che è soprattutto la carenza di acidi grassi polinsaturi omega 3 ad incidere negativamente sul decorso della malattia.