Home   »   
  
»   Dermatite rosacea  
 
La dermatite rosacea

Dermatite rosacea

La dermatite rosacea, o couperose o acne rosacea, è una patologia di carattere infiammatorio della cute che tende a cronicizzare e colpisce soprattutto il viso. Per saperne di più sul disturbo, ecco alcune informazioni utili relative alla sua incidenza, alle cause di insorgenza, alla sintomatologia e alle modalità più adeguate di trattamento.

L'incidenza della patologia
La dermatite rosacea tende a colpire con maggiore frequenza il sesso femminile, in particolare nel periodo della menopausa (per via delle vampate di calore caratteristiche di questo passaggio fisiologico dell'organismo femminile). Sono interessati dal disturbo soprattutto i soggetti dalla pelle molto chiara, reattiva e sensibile: difficile che questa infiammazione compaia su carnagioni scure e ancor più difficile che insorga su chi ha la pelle nera.

Le cause
Diverse sono le cause o le concause: alla base vi è un meccanismo di tipo vascolare e vasodilatatorio, che può essere innescato da diversi fattori. Ecco i più importanti:
- Sbalzi di temperatura repentini: l'esposizione a stimoli di carattere termico, con passaggi improvvisi dal caldo al freddo, è una delle principali cause della patologia
- Eccessiva emotività: la componente psicologica/emotiva è una delle concause del problema
- Eccessivo sforzo fisico
- Assunzione di cibi caldi e/o piccanti
- Abuso di alcol: l'alcol causa vasodilatazione e tende quindi a provocare o peggiorare il problema
- Assunzione di determinati farmaci: in particolare, i farmaci con principi attivi cortisonici fanno peggiorare il disturbo sul lungo termine (nonostante all'inizio possano farlo leggermente migliorare)
- Predisposizione ereditaria: alla base dell'insorgere del problema vi è spesso una predisposizione di tipo genetico
- Demodex folliculorum: secondo alcuni studiosi l'insorgenza della patologia sarebbe da ricondurre all'azione del demodex folliculorum, un acaro naturalmente presente nella flora microbica della cute.

I sintomi
I sintomi della malattia interessano soprattutto il viso (in particolare, le aree centrali del volto: guance, fronte e naso) e spesso tendono a cronicizzare. Ecco i sintomi principali:
- Arrossamenti (eritemi): la comparsa di arrossamenti è uno dei sintomi iniziali più comuni
- Dilatazione dei capillari sottocutanei (teleangectasie)
- Formazione di piccole pustole e papule (non dissimili da quelle che si riscontrano in caso di acne, anche se meno evidenti)
- Ispessimento della cute.

Le cure
La dermatite rosacea si può efficacemente trattare tramite il ricorso a cure antibiotiche (le tetracilcline ad uso topico sono in grado di migliorare lo stato infiammatorio) oppure ad altri farmaci (quali il chetotifene, lo spironolattone, l'acido azelaico, il metronidazolo o l'isotretinoina nei casi più gravi): un buon dermatologo saprà valutare il trattamento farmacologico più adeguato, a seconda della gravità del problema. Nei casi più leggeri sarà sufficiente applicare delle creme lenitive, in modo da alleviare i sintomi tipici dell'irritazione.
Inoltre, è bene seguire una serie di accorgimenti preventivi, onde evitare che la rosacea, una volta combattuta, si ripresenti: occorre quindi evitare per quanto possibile tutti quei fattori (alcol, cibi molto caldi e piccanti, sbalzi eccessivi di temperatura, stress emotivi, etc.) che possono contribuire a favorire l'insorgenza del problema. Bisogna anche utilizzare prodotti e detergenti per il viso molto delicati ed evitare di esporsi troppo al sole.