Home   »   
  
»   Olio essenziale di elicriso  
 
Olio essenziale di elicriso

Olio essenziale di elicriso

Estratto dai fiori di una pianta diffusa nel Mediterraneo (l'Helichrysum italicum), l'olio essenziale di elicriso ha svariate proprietà benefiche e, per questo, viene usato come trattamento naturale in vari ambiti.

Svolge ad esempio un'azione espettorante, decongestionante e balsamica, è un buon analgesico e contrasta la ritenzione dei liquidi: è quindi utile per curare in modo dolce e naturale affezioni respiratorie, dolori articolari e anche disturbi causati da problemi di circolazione sanguigna.
Oltre a queste proprietà, l'elicriso ne vanta molte altre che gli permettono di essere impiegato con successo anche in ambito dermatologico. Vediamo quali sono!

I benefici per la pelle
L'olio essenziale di elicriso possiede proprietà antinfiammatorie, antiallergiche, tonificanti, cicatrizzanti e anche fotoprotettive. Per questo, varie dermatiti possono essere trattate ricorrendo a questa pianta.
Una su tutte, lapsoriasi: sembra che l'olio essenziale di elicriso sia particolarmente utile per trattare soprattutto le fasi iniziali di questo disturbo. Aiuta ad alleviare il prurito e favorisce il processo di riparazione cutanea, grazie alle sue proprietà cicatrizzanti.
Anche in caso didermatite atopica l'elicriso risulta efficace, perché lenisce la pelle irritata e ammorbidisce l'estrema secchezza causata dalla malattia.
Nono solo dermatiti, comunque: in ambito dermatologico, l'olio essenziale di elicriso è un buon rimedio anche per trattare problemi e inestetismi come l'acne, la couperose, le smagliature e anche per lenire e far guarire più velocemente scottature, eritemi solari, lievi ustioni/ferite e cicatrici.
Inoltre svolge un'azione fotoprotettiva (cioè protegge dai danni dei raggi solari), ragion per cui può andare bene anche come olio solare protettivo.
Gli impieghi sulla cute, insomma, sono proprio tanti!

Come usarlo
Come gli altri oli essenziali, anche quello di elicriso non va usato puro sulla cute, ma va prima diluito in un altro olio vegetale. In questo modo, ci si può preparare un buon olio da massaggio da applicare direttamente sull'area di pelle infiammata.
Per trattare psoriasi e dermatiti, potete diluire circa 10 gocce di olio essenziale di elicriso e 10 gocce di olio essenziale lavanda in 30 ml di olio di mandorle dolci.
Se avete intenzione di utilizzare l'elicriso per trattare un problema di acne o di couperose sul viso, allora il consiglio è quello di diluire 20 gocce di olio essenziale in 30 ml circa di olio di cocco. Oppure, un paio di gocce soltanto in un cucchiaino circa di gel di aloe vera.
Se, invece, dovete trattare scottature, cicatrici o piccole ferite, diluite l'elicriso nell'olio di rosa mosqueta, che è più indicato per prevenire le macchie scure e per accelerare la guarigione della pelle.

Possibili alternative
Per trattare le affezioni cutanee, in alternativa all'olio essenziale di elicriso è possibile utilizzare la tintura madre (ottenuta attraverso la macerazione dei fiori in in alcol puro). Oppure, si può anche pensare di agire per via interna, assumendo un decotto preparato con questa pianta.