Home   »   
  
»   Tintura madre di camomilla  
 
Tintura madre di camomilla

Tintura madre di camomilla

A cosa serve la tintura madre di camomilla?

Fra le tante opzioni naturali per curare la dermatite, la tintura madre di camomilla è probabilmente una delle migliori. Estratta da Matricaria chamomilla (una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Compositae), questa tintura ha ottime proprietà antinfiammatorie e lenitive che possono tornare utili per trattare affezioni cutanee di vario genere.
In alternativa ad essa, si possono usare anche l'idrolato di camomilla oppure l'olio essenziale di camomilla, che hanno effetti simili sulla pelle, ma si ottengono con procedure diverse da quella necessaria per la tintura madre.

Camomilla e dermatite
La tintura madre di camomilla è molto lenitiva e svolge sulla pelle anche un'azione antinfiammatoria e decongestionante.
Per questo, si tratta di un buon rimedio naturale in caso di pelle secca e/o arrossata e anche di dermatite vera e propria: sebbene non risolva del tutto il problema, di certo aiuta a calmare l'irritazione e ad attenuare sintomi come l'arrossamento e il prurito.
Pertanto può essere utilizzata in caso di dermatiti di vario genere, come la dermatite atopica o la psoriasi. Essendo un rimedio molto delicato va bene anche per trattare l'eritema da pannolino. Aiuta anche a lenire scottature, eritemi solari e ustioni.

Come si ottiene e come usarla
La tintura madre di camomilla si prepara facendo macerare i fiori di camomilla interi in alcol puro. Come l'olio essenziale di camomilla e l'idrolato di camomilla, è facilmente reperibile in erboristeria ed è altrettanto facile da usare: è sufficiente intingere un po' di cotone nella tintura madre, per poi passarlo con delicatezza sulla cute infiammata. Oppure si può preparare un impacco diluendo in un po' d'acqua una ventina di gocce di tintura madre.

Differenze con l'idrolato e con l'olio essenziale
Oltre alla tintura madre di camomilla, per calmare gli stati infiammatori cutanei è possibile utilizzare anche un olio essenziale di camomilla o l'idrolato di camomilla (o più semplicemente acqua di camomilla).
Anche se gli effetti calmanti e lenitivi sono più o meno gli stessi che si possono ottenere con la tintura madre, si tratta di prodotti diversi che si ottengono da procedure differenti: l'olio essenziale si ottiene per distillazione, mentre l'idrolato si ricava distillando in corrente di vapore i fiori.
Le gocce di olio essenziale possono essere diluite in un olio delicato come quello di mandorle dolci o di iperico oppure in una crema per pelli sensibili.
Anche l'idrolato di camomilla, che si presenta come un liquido incolore, può essere usato puro oppure mischiato ad ad un altro prodotto dalle proprietà lenitive, come un oleolito di calendula, un olio di mandorle dolci o un gel all'aloe vera.
Non solo tintura madre di camomilla, quindi: visto che le possibilità sono diverse, per scegliere il prodotto più adatto alle vostre esigenze e per il dosaggio e le modalità di utilizzo, chiedete consiglio al vostro erborista di fiducia o al medico.